Caduta dei capelli nelle donne – alopecia androgenetica

Fondamentalmente esistono 2 tipi di caduta dei capelli che interessano le donne: il telogen effluvium, un tipo di caduta tipicamente femminile di cui abbiamo già parlato (vai articolo), e l’alopecia androgenetica, legata agli stessi ormoni androgeni che provocano la caduta nei maschi e che interferiscono con la normale crescita del capello.

Alla base c’è una predisposizione genetica, che può essere ereditata dal padre o dalla madre.
L’alopecia androgenetica, causa principale della calvizie maschile, colpisce circa il 50% degli uomini e molte donne sopra i 40 anni.

Le ricerche dimostrano che fino al 13% delle donne ha un certo grado di questo tipo di perdita di capelli prima della menopausa; successivamente questa perdita diventa molto più frequente (dopo i 65 anni ben il 75% delle donne è interessato).

La causa della perdita dei capelli con l’alopecia androgentica è il diidrotestosterone (DHT), un metabolita del testosterone (ormone maschile prodotto dagli uomini e dalle donne).

Un livello elevato di diidrotestosterone può rendere i capelli progressivamente meno pigmentati, più corti e più piccoli, fino alla loro scomparsa. Questo processo è chiamato miniaturizzazione e interessa anche il follicolo pilifero, oltre al capello.
A differenza di quanto accade negli uomini,  nelle donne si ha, generalmente, un diradamento piuttosto che una perdita completa dei capelli e l’attaccatura dei capelli (linea frontale) rimane  intatta.

Cura della caduta dei capelli nelle donne

Per curare questo tipo di caduta, in certi casi si può ricorrere alla somministrazione di estrogeni, ormoni buoni per i capelli, oppure si può ricorrere a un farmaco, il minoxidil.
Il minoxidil è stato inizialmente usato per trattare la pressione elevata; in seguito, si è scoperto che il minoxidil aveva come effetto collaterale, in alcune persone, l’infoltimento dei capelli. Adesso è disponibile come lozione da applicare direttamente sul cuoio capelluto.
Il minoxidil  non è efficace in tutti i casi. Studi dimostrano che solo il 20% circa delle donne tra i 18 e i 45 ha una ricrescita moderata con il farmaco, mentre un altro 40% ha una ricrescita modesta.

Inoltre, sembra funzionare meglio su persone giovani con una perdita di capelli precoce.
Il minoxidil può stimolare e aiutare la crescita del capello se applicato quotidianamente sul cuoio capelluto. L’effetto più importante di questo farmaco è quello di prevenire un’ulteriore caduta. L’efficacia persiste solo durante l’assunzione del farmaco. Il grande svantaggio è che deve essere utilizzato per moltissimo tempo.