L’alopecia areata è un tipo di perdita di capelli e peli che provoca chiazze di calvizie sulla testa, sul viso (barba) e, meno frequentemente, su altre parti del corpo. In alcuni casi, la calvizie è totale (alopecia totale) e, in molti altri casi, i capelli ricrescono dopo diversi mesi. Tuttavia la perdita dei capelli può essere permanente.

Chi viene colpito dall’alopecia areata?

L’alopecia areata può verificarsi in entrambi i sessi e a qualsiasi età, ma nella maggior parte dei casi si sviluppa prima dei 40 anni. La malattia tende a essere meno grave quando si sviluppa per la prima volta a un’età più avanzata.

Quali sono i sintomi dell’alopecia areata?

L’alopecia areata appare tipicamente sul cuoio capelluto con una o più chiazze senza capelli di forma rotonda e dalle dimensioni di una moneta, che sviluppano abbastanza rapidamente. A parte la zona senza capelli, il cuoio capelluto di solito appare sano. Talvolta, la comparsa dell’alopecia areata è accompagnata da qualche lieve arrossamento, da un lieve bruciore o da una sensazione di leggero prurito sulle zone calve (a volte, il prurito è presente anche durante la fase di ricrescita).

Quando si sviluppa una zona calva, è difficile prevedere la sua progressione. Di seguito sono riportate le principali caratteristiche dell’alopecia areata:

- abbastanza spesso nella zona calva la ricrescita dei capelli avviene in pochi mesi. Quando i capelli ricrescono, in un primo momento, possono essere per un certo periodo di tempo di colore grigio o bianco. Il colore originale torna dopo diversi mesi
- a volte, una o più chiazze alopeciche si sviluppano un paio di settimane dopo la prima. Talvolta, la prima chiazza glabra si trova nella fase di ricrescita dei capelli, quando se ne sta sviluppando una nuova
- a volte si sviluppano diverse chiazze piccole che si fondono in un’area calva più ampia
- in alcuni casi, possono essere colpite aree del corpo come barba, sopracciglia e ciglia
- in alcune persone si sviluppano grandi zone calve fino alla completa caduta dei capelli (alopecia totale)
- in un piccolo numero di casi, vengono persi tutti i peli del corpo, capelli, barba, sopracciglia e ciglia (alopecia universale)
- in circa 1 caso su 5 sono presenti alterazioni delle unghie.

Quali sono le cause dell’alopecia areata?

L’alopecia areata è una malattia autoimmune, in quanto le cellule del sistema immunitario si raccolgono intorno al follicolo pilifero. Questo fa sì che una lieve infiammazione del follicolo porti i capelli a indebolirsi e a cadere.

Non è noto perché siano colpite solo alcune zone del cuoio capelluto. Inoltre, i follicoli piliferi non vengono distrutti. I follicoli piliferi interessati sono in grado di produrre nuovamente capelli normali se la reazione immunitaria sparisce e la situazione ritorna alla normalità.

La causa dell’alopecia areata o di altre malattie autoimmuni non è ancora conosciuta. Si ritiene che qualcosa induca il sistema immunitario a reagire contro uno o più tessuti del corpo. I possibili fattori scatenanti sono virus, infezioni, farmaci e altri fattori ambientali. Vi sono anche fattori genetici che rendono alcune persone più inclini alle malattie autoimmuni. Circa un paziente con alopecia areata su quattro ha un parente stretto che ne è colpito.

Chi ha l’alopecia areata ha una probabilità leggermente superiore rispetto alla media di sviluppare altre malattie autoimmuni, come disturbi della tiroide, anemia perniciosa e vitiligine.

Diagnosi dell’alopecia areata

La diagnosi si basa generalmente sull’aspetto tipico delle chiazze senza capelli. In caso di dubbi circa la causa della perdita di capelli, a volte possono essere eseguiti alcuni esami del sangue o una biopsia per escludere altre cause di perdita di capelli.

Qual è la prognosi dell’alopecia areata?

- I casi lievi di alopecia areata spesso migliorano senza trattamento in un periodo che va da pochi mesi a un anno
- In alcuni casi, la chiazza calva può comparire e sparire nel corso di mesi o anni. La dimensione e la durata sono abbastanza variabili
- Con una perdita di capelli più ampia è meno probabile che i capelli ricrescano

Tuttavia, anche se i capelli ricrescono completamente dopo un episodio di alopecia areata, è possibile avere una o più recidive della malattia nell’arco della vita. La progressione verso tipi di alopecia areata più gravi, alopecia totale e alopecia universale, è più frequente in caso di:
- esordio durante l’infanzia
- prima perdita di capelli che ha interessato più della metà del cuoio capelluto
- sindrome di Down
- eczema atopico
- perdita di ciglia o sopracciglia
- storia familiare di alopecia areata
- ofiasi (alopecia areata del margine del cuoio capelluto)
- alterazioni ungueali
- altra malattia autoimmune

Trattamento e cura dell’alopecia areata

L’alopecia areata è una condizione molto imprevedibile e senza una cura certa, quindi non trattare è una scelta frequente, soprattutto quando ci sono solo una o due piccole chiazze calve. In molti casi, nelle zone senza peli o capelli, questi ricrescono spontaneamente senza alcuna cura.
Comunque, qualsiasi ricrescita di solito non comincia prima di tre mesi dalla perdita di capelli.

L’alopecia areata in sé non danneggia la salute e quindi non trattarla non comporta nessun problema per lo stato di salute generale. Nel caso si consideri di sottoporsi ai trattamenti si devono prendere in considerazione i possibili effetti collaterali che alcuni dei farmaci possono avere. Inoltre, i vari trattamenti non curano la causa di fondo dell’alopecia areata.
Le opzioni di trattamento variano in base all’estensione dell’alopecia areata, all’età del paziente e alla risposta della malattia alla cura.

Iniezioni di corticosteroidi
Le iniezioni di corticosteroidi (steroidi intralesionali) nelle zone calve del cuoio capelluto sopprimono la reazione immunitaria locale che si verifica con l’alopecia areata. Questo può, quindi, consentire ai follicoli di funzionare normalmente e di far ricrescere i capelli. Le iniezioni di corticosteroidi possono essere un’opzione nei casi in cui le zone calve siano una o due e non troppo grandi o nei casi di alopecia totale e universale, per stimolare la ricrescita delle sopracciglia. Questo trattamento non funziona in tutti i casi.

Steroidi ad uso topico
Gli steroidi topici (crema, gel, ecc.) sono da utilizzare quando le zone da trattare non sono molto estese, e possono aiutare la ricrescita dei capelli. Tuttavia, non sono efficaci come le iniezioni di corticosteroidi.
Corticosteroidi sistemici
I corticosteroidi vengono somministrati per via orale quando le chiazze sono estese. Spesso i capelli cadono di nuovo quando la terapia viene sospesa.

Minoxidil
Il minoxidil è un farmaco topico già utilizzato come trattamento per la calvizie (alopecia androgenetica) e può essere utilizzato sia dai bambini che dagli adulti. Applicato due volte al giorno su cuoio capelluto, sopracciglia o barba può far iniziare la ricrescita in circa 3 mesi. La percentuale di successo non è elevata.

Immunoterapia topica
Si pensa che l’immunoterapia topica sia l’opzione più efficace per le persone con alopecia areata estesa.
Una sostanza, come il difenciprone, può essere applicata sulla pelle colpita per provocare una reazione locale simile a una lieve dermatite (eczema). Questa reazione cutanea sembra colpire in qualche modo il processo che causa l’alopecia areata consentendo la ricrescita dei capelli. Gli effetti collaterali possono essere fastidiosi. Gli effetti collaterali dell’immunoterapia includono dermatite da contatto e gonfiore dei linfonodi, soprattutto del collo.

 

Comments are closed.