Intervento chirurgico di trapianto dei capelli – Autotrapianto

L’autotrapianto dei capelli è una procedura chirurgica che consiste nell’asportazione dei follicoli piliferi dalla nuca o dalle aree laterali del proprio cuoio capelluto (zone donatrici), dove i capelli sono di qualità superiore, e nel loro trapianto nella zona calva. I follicoli piliferi, una volta trapiantati, continueranno a produrre i capelli normalmente e non perdono la loro qualità superiore.
Il trapianto dei capelli funziona perché i capelli originari della nuca o delle aree laterali del cuoio capelluto non sono soggetti agli effetti del DHT (diidrotestosterone).
Il DHT è un ormone che rende i capelli progressivamente meno pigmentati (colorati), più piccoli e più corti, fino alla loro scomparsa. Questo processo è chiamato miniaturizzazione e interessa sia il follicolo pilifero che il capello.
Dato che la suscettibilità genetica al DHT risiede nel follicolo pilifero e non nella cute circostante, un follicolo che viene spostato dalla zona donatrice in una zona calva continuerà a essere resistente agli effetti del DHT e continuerà a crescere.

L’intervento di autotrapianto dei capelli è una procedura sicura, ma deve essere eseguita in una struttura chirurgica accreditata da un chirurgo plastico supportato dall’anestesista che dà al paziente una sedazione blanda. Esistono due tecniche principali di trapianto di capelli: Follicular Unit Transplantation (FUT) e Follicular Unit Extraction (FUE).

Tutte le procedure moderne di trapianto dei capelli sono basate sul fatto che i risultati più naturali sono prodotti esclusivamente con il trapianto dei capelli sotto forma di unità follicolari di 1-4 capelli ciascuna, prelevate dalla zona donatrice.

Ciò che cambia da una tecnica all’altra è la metodologia di espianto delle unità follicolari.

Follicular Unit Transplantation (FUT)
Con la tecnica FUT, i capelli sono presi dall’area donatrice della nuca e delle parti laterali del cuoio capelluto, rimuovendo un’unica striscia sottile di tessuto. La striscia è posta sotto un microscopio stereoscopico dove è suddivisa in singole unità follicolari che, successivamente, verranno collocate nella parte calva. Nella zona del prelievo rimarrà una sottile cicatrice lineare.

Follicular Unit Extraction (FUE)
Con la tecnica FUE, le unità follicolari sono espiantate una a una dalla nuca e dai lati del cuoio capelluto con punch di meno di 1 mm, senza l’uso di bisturi e senza praticare suture. I piccoli fori che rimangono guariscono, di solito, in una settimana circa e lasciano soltanto delle microcicatrici tondeggianti.